Storia della liquerizia:

Foto Nei papiri egizi e su documentazione cinese datante alcune migliaia di anni figura che la radice di liquirizia veniva usata per svariati usi e in particolare per la tosse, per i dolori addominali, per detergere le ferite di guerra e per svariate altre applicazioni. E’ interessante come la radice è stata rinvenuta nella tomba del faraone Tutankamen come alimento indispensabile per il viaggio dopo la morte. Sia i cinesi che i romani usavano la radice della liquirizia anche per la sterilità delle donne. Teofrasto inoltre riferisce che la radice veniva usata dagli Sciiti per resistente alla fame e alla sete nelle traversate del deserto. L’uso della radice è continuato nei secoli e dal medio evo sono sorte delle piantagioni in vari paesi per averla a disposizione specialmente come erba medica. Tutte queste applicazioni allora empiriche ora hanno trovato un fondamento scientifico nel loro uso. Questa breve introduzione serve a spiegare quali siano le possibili applicazioni mediche e gli effetti indesiderati dell’uso della liquirizia, in particolare dell’estratto secco delle radici.